Vitamina A

vitamina A

La vitamina A indica generalmente il retinolo e i composti analoghi ovvero i retinoidi, che tra naturali e sintetici sono circa 1500. I carotenoidi sono un'altra famiglia di composti che funzionano da provitamine ovvero vengono trasformati in vitamina A una volta metabolizzati. Sono pigmenti vegetali tra cui ricordiamo α-carotene, β-carotene, luteina, zeaxantina, criptoxantina e licopene.

Si tratta di componenti liposolubili, per cui come per tutte le vitamine di questo tipo si possono verificare fenomeni di tossicità dovuti al loro accumulo nei grassi corporei.

L'assunzione di vitamina A viene espressa in termini di retinolo equivalenti (RE). Un retinolo equivalente è pari a 1 µg di retinolo, 6 µg di β-carotene o 12 µg di altri carotenoidi. La quantità di retinolo o equivalenti negli alimenti viene ancora espressa con le vecchie unità internazionali (UI), secondo cui 1 UI corrisponde a 0,3 µg di retinolo, 1,8 µg di β-carotene oppure 3,6 µg di altri carotenoidi ovvero 1 RE è pari a 3,33 UI.

Fonti alimentari di vitamina A

La vitamina A si trova in alimenti di origine animale in particolare nel fegato e nella milza; è poi presente nel latte e derivati e nelle uova. I carotenoidi sono invece pigmenti presenti nei tessuti vegetali in particolare in quelli giallo-arancione e nelle foglie con una colorazione verde scuro come in carote, albicocche, pomodori e spinaci solo per citarne alcuni.

Carenza di vitamina A

Una carenza di vitamina A determina problemi di crescita e di maturazione degli organi sessuali. Si hanno deformazioni nelle ossa e la cheratinizzazione degli epiteli (lesioni cutanee). Causa gravi problemi alla vista in presenza di poca luce (cecità crepuscolare) e nei casi più gravi porta alla cecità completa.

Eccesso di vitamina A

Un eccesso di vitamina A può causare nausea, vomito, emicrania, perdita di coordinazione e distrurbi visivi. La tossicità dovuta ad un eccesso di assunzione di carotenoidi è più limitata, in quanto il loro assorbimento è inferiore rispetto al retinolo e diminuisce in presenza di alte dosi. Il sovradosaggio di carotenoidi determina inoltre la colorazione giallo arancione della pelle e delle mucose in genere.

 

Ultimi articoli

  • Il miglior esercizio per gli addominali

    il miglior esercizio per gli addominali

    Il miglior esercizio per gli addominali non è innanzi tutto un esercizio adatto a tutti. Senz'altro non è per i principianti, ma per quelli che riescono a fare correttamente decine di crunch a terra, senza fatica e senza ormai risultati significativi. Questo esercizio non è nemmeno per chi ha …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Addominali

  • Come sviluppare il picco del bicipite

    Come sviluppare il picco del bicipite

    Per picco del bicipite si intendono quei fasci muscolari che conferiscono al bicipite la caratteristica forma appuntita.

     Bicipite brachiale Capo lungo

     Bicipite brachiale Capo breve

     Brachiale

    Come evidenziato nella foto e nella figura soprastante, il picco del bicipite è …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Bicipiti

  • I migliori esercizi per i bicipiti: pesi o cavi?

    esercizi per bicipiti: meglio i pesi o i cavi

    Come per tutti i muscoli l'esercizio migliore è quello che permette di estendere completamente il muscolo per poi contrarlo completamente in corrispondenza dello sforzo massimo.

    Quando si usano i pesi, a differenza dei cavi, non possiamo orientare la forza a cui devono opporsi i nostri muscoli …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Bicipiti

  • Super serie tra muscoli antagonisti

    super serie tra muscoli antagonisti

    Le super serie tra muscoli antagonisti sono un'ottima tecnica di esecuzione per dare una scossa ai muscoli e stimolarne la crescita. Ho già trattato le super serie in generale e in questo articolo vi presento alcune accoppiate di esercizi per prendere maggior confidenza con tale tecnica.

    In …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Tecniche di esecuzione