Il riscaldamento

riscaldamento

Prima dell’allenamento vero e proprio è indispensabile una fase di riscaldamento per preparare l’organismo agli sforzi intensi a cui verrà da noi sottoposto. Si tratta quindi di un’attività fisica leggera volta ad aumentare la temperatura corporea ed il flusso sanguigno nei muscoli, in modo siano pronti al lavoro con i pesi riducendo il rischio di strappi muscolari o altri infortuni più gravi. Se abbiamo del grasso da smaltire sarà il caso che questo riscaldamento iniziale consista di una discreta attività aerobica di 5 o 10 minuti, ma il tempo è soggettivo. In pratica deve durare abbastanza da percepire un riscaldamento della temperatura corporea, ma non deve diventare una maratona che sprechi le energie da dedicare al lavoro successivo. Se siamo ectomorfi / hardgainer e non abbiamo quindi grasso da smaltire è meglio non sprecare energie in alcuna attività aerobica e passare ad un riscaldamento con gli attrezzi. Questo riscaldamento deve essere eseguito da tutti perché per evitare danni muscolari non si può iniziare il primo esercizio con il peso massimo che riusciamo a sollevare. Si parte di solito con un peso leggero che ci consenta di eseguire ben più delle 10 ripetizioni abituali, il fatto che il carico sia minimo non ci deve però indurre a eseguire l’esercizio velocemente. Sempre con un movimento fluido e lento eseguiamo tante ripetizioni, finché i muscoli da allenare diventano turgidi. Se siamo del biotipo che non ha gran bisogno di attività aerobica, effettuiamo altre serie leggere fino a riscaldare il nostro corpo. Naturalmente se l’esercizio successivo è dedicato allo stesso gruppo muscolare, possiamo evitare le serie di riscaldamento, che eseguiremo negli altri casi.

 

Ultimi articoli

  • Il miglior esercizio per gli addominali

    il miglior esercizio per gli addominali

    Il miglior esercizio per gli addominali non è innanzi tutto un esercizio adatto a tutti. Senz'altro non è per i principianti, ma per quelli che riescono a fare correttamente decine di crunch a terra, senza fatica e senza ormai risultati significativi. Questo esercizio non è nemmeno per chi ha …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Addominali

  • Come sviluppare il picco del bicipite

    Come sviluppare il picco del bicipite

    Per picco del bicipite si intendono quei fasci muscolari che conferiscono al bicipite la caratteristica forma appuntita.

     Bicipite brachiale Capo lungo

     Bicipite brachiale Capo breve

     Brachiale

    Come evidenziato nella foto e nella figura soprastante, il picco del bicipite è …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Bicipiti

  • I migliori esercizi per i bicipiti: pesi o cavi?

    esercizi per bicipiti: meglio i pesi o i cavi

    Come per tutti i muscoli l'esercizio migliore è quello che permette di estendere completamente il muscolo per poi contrarlo completamente in corrispondenza dello sforzo massimo.

    Quando si usano i pesi, a differenza dei cavi, non possiamo orientare la forza a cui devono opporsi i nostri muscoli …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Bicipiti

  • Super serie tra muscoli antagonisti

    super serie tra muscoli antagonisti

    Le super serie tra muscoli antagonisti sono un'ottima tecnica di esecuzione per dare una scossa ai muscoli e stimolarne la crescita. Ho già trattato le super serie in generale e in questo articolo vi presento alcune accoppiate di esercizi per prendere maggior confidenza con tale tecnica.

    In …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Tecniche di esecuzione