Piramidale

piramidale

Questa tecnica consiste nel variare ad ogni serie il numero delle ripetizioni ed il peso, in particolare nel piramidale classico si parte da una serie con tante ripetizioni e peso leggero e progressivamente nelle serie successive si calano le ripetizioni e si aumenta il peso. Tipicamente si eseguono almeno 4 serie.

Dopo un corretto riscaldamento e se i pesi sono stati correttamente scelti in base alle ripetizioni, l’esecuzione del piramidale classico non ha molto senso dal punto fisiologico, in quanto di fatto al crescere della stanchezza si richiede al fisico di sollevare sempre pesi maggiori. Per questo motivo è meglio utilizzare il piramidale inverso ovvero si parte da un peso molto elevato che consente poche ripetizioni fino ad arrivare ad eseguire tante ripetizioni con un peso più leggero. Il riscaldamento che precede le serie allenanti in effetti può essere visto come un piramidale classico nel senso che partiamo con un peso leggero e tante ripetizioni per scaldare i muscoli e progressivamente ci avviciniamo al peso ed al numero di ripetizioni di quella che sarà la prima serie del piramidale inverso.

Di questa tecnica esistono molte varianti e tramite ricerche in Internet troverete altrettante tabelle che spiegano come variare pesi e ripetizioni, ma visto che si tratta di una tecnica per accrescere l’intensità di ogni esercizio, il massimo si ottiene partendo con un peso che consenta di fare poche ripetizioni, nella serie successiva si abbassa il peso e si eseguono tutte le ripetizioni possibili e si continua così nelle serie successive senza alcun recupero fino ad arrivare ad un peso che consenta di fare 12 o più ripetizioni. In pratica si esegue ogni serie fino al cedimento muscolare e si effettuano tante serie fino al punto da sentire pensante anche il peso più leggero sfinendo così completamente i muscoli da allenare. Un esercizio così intenso può essere per alcuni troppo stressante e non essere quindi l’ottimo in termini di stimoli per lo sviluppo della massa muscolare, ma di sicuro aiuta a conoscere i propri limiti e a superarli; inoltre eseguire le serie una dietro l’altra, senza pause, spingendo al massimo e lo sfinimento finale danno una carica ed un appagamento psicofisico che da soli giustificano l’utilizzo del piramidale inverso.

Argomenti: Tecniche di esecuzione

 

Ultimi articoli

  • Il miglior esercizio per gli addominali

    il miglior esercizio per gli addominali

    Il miglior esercizio per gli addominali non è innanzi tutto un esercizio adatto a tutti. Senz'altro non è per i principianti, ma per quelli che riescono a fare correttamente decine di crunch a terra, senza fatica e senza ormai risultati significativi. Questo esercizio non è nemmeno per chi ha …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Addominali

  • Come sviluppare il picco del bicipite

    Come sviluppare il picco del bicipite

    Per picco del bicipite si intendono quei fasci muscolari che conferiscono al bicipite la caratteristica forma appuntita.

     Bicipite brachiale Capo lungo

     Bicipite brachiale Capo breve

     Brachiale

    Come evidenziato nella foto e nella figura soprastante, il picco del bicipite è …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Bicipiti

  • I migliori esercizi per i bicipiti: pesi o cavi?

    esercizi per bicipiti: meglio i pesi o i cavi

    Come per tutti i muscoli l'esercizio migliore è quello che permette di estendere completamente il muscolo per poi contrarlo completamente in corrispondenza dello sforzo massimo.

    Quando si usano i pesi, a differenza dei cavi, non possiamo orientare la forza a cui devono opporsi i nostri muscoli …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Bicipiti

  • Super serie tra muscoli antagonisti

    super serie tra muscoli antagonisti

    Le super serie tra muscoli antagonisti sono un'ottima tecnica di esecuzione per dare una scossa ai muscoli e stimolarne la crescita. Ho già trattato le super serie in generale e in questo articolo vi presento alcune accoppiate di esercizi per prendere maggior confidenza con tale tecnica.

    In …

    Continua a leggere.

    Argomenti: Tecniche di esecuzione